Cimitero abbandonato di Villarios

Nel cuore della Sardegna, avvolto da un velo di mistero e fascino decadente, giace il cimitero abbandonato di Villarios. Questo piccolo borgo, che una volta pulsava di vita, ospita oggi un luogo che cattura l’immaginazione e stuzzica la curiosità.

cimitero abbandonato Sardegna

Avviso: Non sto invitando ad entrare in questo luogo, poiché è chiuso, abbandonato e quindi pericoloso. Questo articolo ha l’unico scopo di documentare un luogo abbandonato, ma ricco di storia. Invito tutti a evitare di visitarlo.

La storia di questo cimitero è una narrazione di silenzio e oblio. Un tempo cuore pulsante di Villarios, è stato testimone del lento e inesorabile spopolamento del villaggio. Questo fenomeno, non estraneo a molte aree rurali della Sardegna, ha visto i suoi abitanti lasciare le loro case in cerca di fortune migliori nelle città o oltre i confini nazionali. Questo esodo ha trasformato Villarios in un echi di ricordi, con le sue case vuote e il suo cimitero abbandonato.

Il cimitero stesso è diventato un simbolo potente di questo declino. Le tombe e i monumenti funebri, un tempo curati e riveriti, ora si ergono come guardiani silenziosi in mezzo a una vegetazione selvaggia. Questa immagine di abbandono ha attirato fotografi e appassionati di luoghi dimenticati, che trovano nel cimitero di Villarios un soggetto perfetto per catturare la bellezza malinconica del declino.

Cimitero abbandonato in Sardegna

Ma non sono solo gli amanti della fotografia ad essere attratti da questo luogo. Il cimitero è avvolto da un alone di leggende e racconti popolari, che parlano di apparizioni e fenomeni inspiegabili. Sebbene queste storie non abbiano fondamenti scientifici, contribuiscono a creare un’atmosfera di mistero e fascinazione che circonda il cimitero.

Il cimitero abbandonato di Villarios è più di un semplice luogo di sepoltura; è un capitolo vivente della storia sarda, un testimone silente dello spopolamento rurale e un simbolo della fascinazione umana per i luoghi che il tempo ha dimenticato. In esso, la storia si intreccia con il mito, e la realtà si fonde con la leggenda, offrendo a chi lo visita un viaggio indimenticabile nella memoria di un’isola e nel cuore della sua cultura.

Per gli appassionati di tecnologia: ecco alcune foto scattate utilizzando la Fujifilm X-T5 con obiettivo 16mm f/2.8 in una simulazione della pellicola Leica.

Le immagini pubblicate sono protette da diritti d’autore e sono liberamente scaricabili per uso personale e non commerciale. È severamente vietato il loro utilizzo commerciale senza l’autorizzazione esplicita di Davide Baraldi. Se ti garba il mio progetto e hai qualche idea per farlo diventare ancora più figo, mandami un messaggio FacebookInstagramScrivimi

Famolostrano blog di storie
Famolostrano blog di storie

Famolostrano, un progetto semplice quando la fotografie se diventa difficile forse non hai trovato il tuo ritmo, che non è nella attrezzatura ma nella tua creatività di osservare

Articoli: 300

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *